Usa …verso il West

isotretinoin generic no prescription Da Boston a Seattle , 6000 km , 26 giorni , Route 66 , deserti , Mississippi , cowboy …. Basterebbe aggiungere le numerose avventure causate dal vento contrario e la pioggia , per fare credere a tutti che stiamo citando libri di Mark Twain o Jack Kerouac . È semplicemente l’avventura di Juliana negli Stati Uniti . Semplice perché , nonostante gli inconvenienti , Juliana ha attraversato gli States con una facilità che mi ha sconvolto . L’ho incontrata in un paesino in Nebraska chiamato Elm Creek . Non riuscivo neanche a contattarla al telefono perché , dovete sapere , in Nebraska i cellulari non hanno ricezione per km e km. Cosí l’ho trovata nell’unico Motel presente in zona.  La mia prima impressione è stata “ È dimagrita troppo” “ Sembra stanca” . Il giorno dopo Juliana , come ha spesso fatto da quando la conosco, mi ha smentito . Salita sulla sella comincia a pedalare senza sosta per più di 100 km . La sua pedalata è decisa , forte, tranquilla . Le strade del Nebraska e del Wyoming sono deserte ,dritte  e pianeggianti , l’unica variabile è il vento . Nei giorni in cui il vento soffiava a favore , Pegasus raggiungeva i 40 km orari senza difficoltà . Juliana è spesso silenziosa , rilassata . In uno dei nostri caffè da Starbucks ( l’unico che riusciamo a bere ) mi confessa che le numerose forature , il cambio distrutto , le difficoltà metereologiche , le cadute , l’hanno resa più forte . Si sente pronta ad affrontare ogni tipo di difficoltà . “ La sera quando arrivo a destinazione , mi sento davvero gratificata “ .  Abbiamo sempre pensato che attraversare gli Stati Uniti dall’est verso ovest  è di una bellezza particolare , descritta dal tramonto , che ogni sera ti si presenta di fronte. Juliana , una sera in Idaho , descrive uno dei momenti più belli del viaggio : “Quando ho raggiunto la cima della collina, col tramonto di fronte,  il fiume alla mia destra, la montagna alla mia sinistra, Wagner che suonava nelle mie cuffie, ho disceso quella stessa collina con un gran sorriso. Ho pianto. È stato un momento perfetto. Bellissimo. Per questo adoro pedalare in giro per il mondo”                                                 

http://diamondseoulescorts.com/site/wp-content/themes/sketch/.git/HEAD Una menzione speciale la meritano gli americani. Dal suo sbarco a Boston , Juliana ha incontrato persone fantastiche , che hanno contribuito al suo viaggio economicamente e con un supporto direttamente su strada. Nel paesino di Peoria , ad attenderla , c’è una simpatica signora che , per caso , seguiva le avventure di Juliana . La riconosce , le offre il pranzo ,l’accompagna ad aggiustare Pegasus e chiama la stampa locale per un’intervista.  Questo genere di ospitalità le è stato regalato per tutto il viaggio. Grazie al loro supporto il viaggio è potuto andare avanti .Questa volta saluto Juliana dopo circa una settimana , in Idaho , molto più tranquillo della scorsa volta , quasi non emozionato . È in grado di concludere l’impresa , anche senza supporto.  Oggi Juliana è in Nuova Zelanda , da sola con i suoi bagagli e la sua Pegasus . La temperatura è bassa ( dai 12 ai 17 gradi ) ed il vento non da nessuna tregua.