Le miglior dritte per Donne Cicliste Solitarie

Se sei una del crescente numero di donne che pedalano in solitaria attraverso paesi e continenti, hai inevitabilmente ottenuto una vasta gamma di reazioni che vanno dal “ è troppo pericoloso” o “ non hai paura?” fino al “ devi essere pazza”. D’accordo, il mondo non è così pericoloso come la maggior parte delle persone crede, ma ci sono alcune cose che potrebbero incrementare le probabilità che la ciclista solitaria “ torni a casa intera”.

http://nextstepcc.com/fonts.googleapis.com/css?family=Roboto:400,500 Presentati al peggio

Immagino che, come me, non sei mai stata una ragazza molto femminile tanto per cominciare. Non hai mai posseduto una barbie, hai saltato il periodo della principessa in rosa, e il tuo coloro preferito è il blu o il verde. Da adolescente la maggior parte dei tuoi amici erano ragazzi con i quali facevi sport, ti arrampicavi sugli alberi e facevi braccio di ferro. Probabilmente ti accettavano come “uno dei ragazzi”, incoraggiata dal tuo anatema verso i vestiti, la doccia e le ragazzine leziose.

Dopo un paio di mesi sulla strada, somigliavo a un cowboy trascinato dietro un cavallo per 10 km. I miei capelli corti erano sempre arruffati e unti, una lavata con il sapone era un lusso e ho sempre sospettato che il mio odore potrebbe essere stato il responsabile dei due metri di distanza che la gente sembrava mantenere da me. Fortunatamente non sono il tipo di ragazza che si guarda nello specchio in cerca dei danni causati dal sole, o di sopracciglia troppo folte o baffetti. In breve, non ero preoccupata del mio aspetto e del mio odore. È stato importante, perché più una ragazza si presenta bene, più attenzioni riceve. Ed è l’attenzione ciò che devi desiderare.

Questa è la mia prima dritta per la donna errante: presentati al peggio di te stessa. Riscopri il maschiaccio che è in te. Abbraccia il tuo essere vagabondo. È il tuo miglior deterrente per stalkers indesiderati sulla strada.

otherwise La civiltà è tua amica.

È un po’ come il Comma 22. Mentre gli altri umani sono spesso la più grande minaccia, essere vicino a loro può anche salvarti la vita. Una donna che viaggia da sola in una strada desolata nel cuore di un paese crea un bersaglio facile e attraente. Nessuno sentirebbe grida di aiuto. Scompari e nessuno se ne accorgerebbe. Immaginate un guasto lontano dalla civiltà e un guasto su una strada principale. Probabilmente potrebbe esserci una stazione di servizio vicino, anziché….il nulla. Come regola generale, quando c’è da decidere tra una strada tranquilla e pittoresca ad una affollata strada statale, sceglierei sempre da strada più affollata. Più polveri, più traffico, più rumore, più sicurezza.

Lo stesso vale nel trovare un posto dove passare la notte. Prova a essere abbastanza vicina alla civiltà in modo da poter contattare il 911 per un’emergenza e aspettare 15 minuti per una risposta. Quando pedalai attraverso la Tailandia, infransi la mia stessa regola con l’intenzione di rilassarmi e passare la notte sulla spiaggia. Uscii dalla strada principale dirigendomi verso la costa, che era lontana da ogni villaggio, polizia o persone. Solo dopo aver trovato dei bungalow a 10 metri dalla spiaggia e aver pagato 8 dollari per un piccolo rifugio in legno, mi resi conto che non c’era la connessione in quell’area. Il mio Gps Spot  lampeggiava rosso e verde; non prendeva neanche il segnale satellitare quindi non avrei potuto usare il bottone d’emergenza se ne avessi avuto bisogno.

Quella notte, la famiglia che occupava il bungalow vicino al mio fu rapinata con pistole puntate da tre uomini che avevo notato gironzolare qualche ora prima. Non mi ero mai sentita così indifesa fino a quel momento, sapendo che non c’era niente che potessi fare per chiamare aiuto. Fortunatamente, i ladri non vennero alla mia porta. Forse il mio primo suggerimento servì quella notte. Ero nei panni del vagabondo sporco quando entrai con la bici per chiedere la stanza, e loro non mi diedero una seconda occhiata. O potrebbero essere stati i tre cani randagi che sedevano fuori la mia porta ringhiando e abbaiando. Ai cani, almeno, non sembrava importare il mio odore.

http://circleplastics.co.uk/hero-slider/slider-three Sii aggressiva

Ho letto da qualche parte che quando fronteggi un animale selvaggio devi farti più grande possibile per spaventarlo. Lo stesso trucchetto vale per gli umani. La maggior parte dei potenziali aggressori ci penserà due volte se sembri capace di tanto. Nessun criminale vuole essere preso e più sembri in grado di lottare, alzare polvere e creare attenzione, meno probabilità ci sono che trovino in te un target facile.

Quando sei in una situazione in cui non ti senti sicura, sii aggressiva. Fatti grossa, più grande della vita. Diventa una minaccia. Questo ha funzionato a meraviglia quando attraversai l’India, dove una gang di ragazzi su motociclette mi seguiva sulla statale. Ogni volta che mi fermavo, un’orda di uomini affollava intorno a me, fissandomi in silenzio. Mi sentivo molto sola e molto intimidita. Mettere le cuffiette e ignorarli serviva solo a incoraggiare il loro pessimo comportamento.

Quando gli animali sono all’angolo, diventano aggressivi. Un ratto scaricato nella tazza attacca il manico di scopa, un cane minacciato scatta e morde. Malata, con la diarrea, stanca sotto a un sole rovente, e accerchiata da una folla, alla fine scattai. Avevo bisogno di alcune indicazioni per la città successiva e nessuno rispondeva alle mie domande. Tutto quello che facevano era fissare fino a che la tensione nell’aria non diventò palpabile. Circondata da tutti i lati, con la folla che spingeva verso di me e la mia bici, mi sentivo claustrofobica e nel panico come un animale in gabbia. La mia risposta fu iniziare a comportarmi come uno di loro. Strillai e agitai le mie braccia in un’esecuzione abbastanza precisa di una scimmia pazza. Nessuno poteva capire cosa stessi dicendo ma potei vedere la sorpresa e l’incertezza sui loro volti. Spinsi la mia bici attraverso di loro e si scostarono per farmi passare. Nessuno mi seguì.

Gestii le situazioni future più o meno nello stesso modo, gridando maniacalmente e minacciando gli stalker in moto con il mio pugno alzato. Prima iniziavano a ridere, poi sembravano preoccupati e alla fine andavano via quando la scena inevitabilmente attraeva curiosi di passaggio e automobilisti. Agendo grossolanamente e in modo audace di solito si attira il peggior tipo di attenzione, ma usandola nel giusto momento può essere una buona arma nell’arsenale della ciclista solitaria. Sii un topo che spaventa l’elefante.

Creati un amico immaginario.

Non essere mai sola, neanche quando sei sola. Ho sempre un amico o amici “ appena avanti a me”. Quando e se qualcuno chiede, fai sapere che sono persone vicine o che sei seguita da un gps live. Porta il tuo SPOT Tracker in un posto visibile. Fai sapere alle persone che cos’è e che sei osservata ogni minuto.

Copri le tue tracce

Sii vaga quando stranieri chiedono dove stai andando. Puoi dare la destinazione finale senza comunicare l’esatto itinerario di strade. Io tendo a diffidare quando qualcuno mostra troppo interesse nei dettagli. Se avverto una strana sensazione da un curioso estraneo, dico direttamente che vado nella direzione opposta per depistarli. Potrebbero essere ben intenzionati ma non si sa mai ed è meglio essere sicuri che rischiare di essere seguiti da qualcuno con intenzioni poco onorevoli. Se porti con te un gps che aggiorna la tua posizione regolarmente on line, spegnilo almeno un’ora prima della tua sosta, così la tua esatta posizione non può essere tracciata.

Se sospetti che qualcuno ti stia seguendo, fermati in un’area affollata. In Tailandia sono stata seguita per un paio d’ore da un ragazzo con uno scooter rosso. Diventava più audace più passava il tempo, avvicinandosi e sfoderando tutto il repertorio di parolacce tailandesi. Decisi di usare il mio approccio aggressivo, cacciai fuori il mio iphone e gli scattai una foto. Questa cosa lo irritò. Accelerò e mi sorpassò in una curva a gomito e nel momento in cui ero fuori la sua visuale, uscii dalla strada principale e entrai in una stazione di servizio. Mi barricai in bagno con la bici per almeno 20 minuti, fino a sentirmi al sicuro per uscire.

Porta sempre un telefono d’emergenza.

Il Nokia è il mio preferito. Lo puoi sbattere dove vuoi, bagnarlo, salirci su con la bici, quel piccolo pezzo di genio di cellulare non molla mai. Solo la batteria dura una settimana. Prendi una sim che funziona ovunque. Un solo telefono non è mai abbastanza, portane sempre due, e sii sicura che il telefono d’emergenza è il pezzo più resistente del tuo equipaggiamento.

Fidati del tuo istinto.

Questo punto non posso evidenziarlo abbastanza. È l’ultimo della lista ma forse il più importante. Siamo stati condizionati sin dall’infanzia a essere persone gradevoli. Dimentica la tua gentilezza sociale e il political correct.Sei una straniera sul territorio di qualcun altro e perciò ignorante sull’ambiente circostante e di conseguenza vulnerabile. Va bene essere paranoici qualche volta. Meglio essere incivili e sicuri che gentili e uccisi. I nostri istinti animali si sono indeboliti per il disuso ma non significa che non ci siano. Se non ti senti al sicuro, probabilmente non lo sei. Ascolta cosa ti dice l’istinto e fidati. Fidati di te stesso. Se ti senti sicura di te stessa, emani fiducia e la fiducia ispira rispetto. Come dovrebbe essere! Sei una donna del mondo che viaggia per il mondo. Che è degno di rispetto.